Digital divide? Ci pensa Google!

Google e altre 30 compagnie si sono unite per cercare di sconfiggere il digital divide in Italia. Il gruppo chiamato digital advisory group ha individuato 12 idee per cercare di abbattere questo ostacolo alla crescita italiana.

Fra i promotori manca l’amministrazione pubblica italiana, è invece presente l’American Chamber of Commerce in Italy. Internet contribuisce solo al 2% al PIL dell’italia e ha creato 700.000 posti di lavoro, mentre in altri paesi come l’Inghilterra internet costituisce il 7% del PIL.

I punti cardine sono l’annullamento del digital divide che continua ad essere posticipato, l’introduzione delle tecnologie moderne come la fibra ottica e il 4G e il potenziamento delle connessioni mobile, convincere gli utenti ad utilizzare l’e-commerce e spiegare come funziona la tecnologia, sostenere le start-up.

Tra i problemi individuati sono presenti la fuga di cervelli (i pochi imprenditori digitali se ne vanno e non possono formarne di nuovi), il quadro normativo che andrebbe rivisto, il non utilizzo dell’e-commerce, un governo più digitale (e magari con siti funzionanti (vedi censimento online) ).

Questo progetto potrebbe collegarsi al progetto banda ultralarga, anche se ancora non si hanno conferme o smentite ufficiali.

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica di Trieste. Sono appassionato di informatica. Conosco vari linguaggi fra cui C#, vb.net, vb6, java, php, asp, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *