Uso dei browser: Chrome vola

statistiche browser

Come ogni mese ecco arrivare le statistiche sull’utilizzo dei browser nel mondo, questa volta vogliamo fare qualcosa in più, non ci metteremo solo a darvi i numeri di un contatore ma ne metteremo a confronto alcuni valutando la situazione.

Cominciamo con statcounter, in cui Chrome raggiunge il 25%, in crescita del 1.39%, Firefox continua a calare, e si posiziona a 26.39%, in calo del 0.4%, se il trend si dovesse confermare secondo statcounter il prossimo mese dovrebbe esserci il sorpasso, IE si trova al 40,18% in calo di quasi un punto e mezzo, Safari arriva al 5.93%, in crescita del 0.33%, opera cresce di uno 0.09%.

Guardando questi dati da marketshare.hitslink.com notiamo delle cifre completamente diverse, infatti IE è al di sopra del 50%, anche se ha perso quasi il 2% rispetto al mese scorso, Firefox è al 22.51%, in leggera crescita, Chrome è al 17.62% in crescita, anche qui, di un punto e mezzo, confermate invece le statistiche di Safari molto simili all’altro contatore.

Come terzo elemento analizziamo le statistiche del sito w3c, solitamente visitato da chi crea siti web, i numeri sono completamente diversi, anche se non sono uscite le cifre di ottobre vediamo un Chrome sopra il 30%, un Firefox al 40% circa e un IE a solo 22%.

In tutti questi siti notiamo un trend uguale, Chrome che sale insieme a Safari, un Opera stabile, un Internet Explorer in forte e costante calo e un Firefox in calo a favore di Chrome.

Come ultime statistiche prendiamo le nostre, abbiamo Chrome al 58%, Firefox segue ad un 20% e fanalino di coda Internet explorer ad un 8.5%.

Ma allora quali sono le statistiche corrette e su quali dobbiamo basarci?

Rispondere a questa domanda è complicato, per dare dati certi dovremo sapere tutte le statistiche dei siti web, il contatore più utilizzato è Google Analytics, ma purtroppo, ad esclusione dell’ultima newsletter, non rilascia dati ed informazioni al pubblico, gli altri contatori di rilievo li ho presentati qui sopra, ma potete vedere che i dati sono molto discrepanti, di addirittura un 8%. Per cui questi aggiornamenti sono utili per capire il trend ma dare una cifra definitiva è un azzardo, ma possiamo comunque tenere i dati validi per i trend e per capire che browser viene utilizzato. Ovviamente tali dati variano molto in base al target del sito in questione, come nel nostro caso.

alessio

Sono un giovane web designer con la passione per il blogging e la tecnologia in generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *