Google non ne può più e si sfoga. Troppe cause per eliminarlo

android

Ormai Google è abituato ai tribunali e ai continui attacchi che lo vedono accusato di aver violato qualche brevetto. Ma quando è troppo è troppo e David Drummond, Senior Vice President and Chief Legal Officer, si sfoga sul blog ufficiale di Google.

Google se la prende con Microsoft e Apple che si vedono fortemente minacciati da un dispositivo come Android che raggiunge oltre 550.000 attivazioni al giorno e che tenterebbero di eliminare il concorrente non proponendo un prodotto migliore, ma cercando di eliminarlo con continue cause in tribunale per costringerlo a far pagare agli utenti Android.

Google se Oracle, Microsoft e Apple vincessero tutte le cause sarebbe costretto a inserire una tassa di 15 dollari su ogni smartphone Android, solo per pagare le continue cause in tribunale.

Google accusa i concorrenti di utilizzare la scusa dei brevetti per affossare Android, sarebbe una specie di combutta per eliminare questo scomodo avversario.

L’accusa di Google è che i brevetti vengano usati non per stimolare la ricerca, ma solo come un’arma da usare contro i concorrenti.

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica di Trieste. Sono appassionato di informatica. Conosco vari linguaggi fra cui C#, vb.net, vb6, java, php, asp, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *