Google Plus non cancella nessuno “misteriosamente”, il motivo c’è

repubblica-google-plus

Google non cancella nessuno dal suo social network senza un reale motivo. Il motivo è molto semplice: o stai rubando l’identità a qualche altra persona, magari famosa o hai aperto una pagina per un sito o un blog e non è un profilo. Quindi non c’è nessun mistero dietro la cancellazione del profilo di repubblica da Google Plus.

Semplicemente non è un profilo personale e per questo motivo viene cancellato, e pensare che lo staff di Google lo aveva messo in chiaro fin da subito, quando si sono accordi che aziende come Ford e Dell si erano interessate fin dai primi minuti.

Inoltre sono banditi dai nomi i classici simboli “☺☻♥” o altri poichè evidentemente nessuno ha un nome del genere. Google non richiede di mettere il nome reale, ma semplicemente chiede di mettere il nome con il quale tutti ci chiamano di solito nella vita reale. In questo caso l’account viene solo sospeso e dopo aver modificato il nome se ne può richiedere l’attivazione.

Non c’è esplicitamente scritto che sono vietati i profili aziendali, ma è abbastanza chiaro che quando il direttore di repubblica o chi per lui va in giro non viene chiamato repubblica.it, ma verrà usato il suo vero nome o un sopra nome.

Ecco l’estratto del punto 13 del regolamento.

Per contrastare lo spam e impedire la contraffazione dei profili, usa il nome con cui di solito ti chiamano i tuoi amici, la tua famiglia o i tuoi colleghi. Se, ad esempio, il tuo nome completo e legale è Giancarlo ma tutti ti chiamano Carlo o Gianni, scegli uno di questi due nomi.

Caso diverso invece il caso dell’attore William Shatner, scambiato probabilmente come un Fake, ma che dopo la verifica è stato subito riabilitato. Per risolvere questo problema comunque Google sta preparando gli account verificati. Repubblica dovrà quindi aspettare l’arrivo delle pagine business, o può sempre pensare a farsi un suo social network, proprio come Anonymous.

Un alternativa per i webmaster può essere quella di creare il proprio account personale e condividere li i propri post, magari inserendo il proprio nickname e usare correttamente le cerchie per condividere solo con chi si conosce di persona le foto personali e tutto ciò non pubblico. Tutto questo in attesa delle pagine business.

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica di Trieste. Sono appassionato di informatica. Conosco vari linguaggi fra cui C#, vb.net, vb6, java, php, asp, ...

One thought on “Google Plus non cancella nessuno “misteriosamente”, il motivo c’è

  1. E tutto questo mi sembra molto giusto.
    Dopo le prime due settimane di assestamento, infatti, avevano gia’ iniziato a proliferare una enorme quantita’ di account “spammosi”, di gente che ti invita a fare le vacanze in Sardegna, di gente che ti propone le migliori tariffe aeree e tutto quanto fa immondizia.

    Stesso discorso per gli account che non hanno un riferimento ad una persona fisica. Non sono (ancora) previsti, ed è giusto che ne stiano fuori.

    Repubblica in primis, lasciami dire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *