L’AGCOM rimanda la decisione, internet continua ad essere semi-libero, almeno per ora

italy_censura_internet

L’AGCOM (L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) ha deciso di rimandare la decisione riguardo l’ammazza-internet, la delibera tanto discussa dai blogger.

Le oltre 200.000 firme raccolte online da Avaaz.org e i discorsi di Richard Stallman, guru del software libero, oltre all’intervento di numerosi politici hanno convinto l’AGCOM a rimandare la decisione finale sarà rimandata a settembre.

Ricordiamo che la delibera dell’AGCOM permetterà a questo organo indipendente di chiudere siti web, blog, forum solo per il semplice SOSPETTO di violazione di copyright, senza la possibilità di replicare e senza un giudice a giudicare i fatti. Il sito verrebbe semplicemente chiuso in caso di sospetto, quindi per assurdo il sito potrebbe non aver violato nessun regolamento e trovarsi oscurato.

Potrebbe quindi bastare un semplice testo di una canzone, uno spezzone di video, una citazione o un immagine protetta da copyright erroneamente inserita

Ecco alcuni link per un approfondimento:

Ilfattoquotidiano – Cosa dice la SIAE

Techfanpage – Riassunto della notte del web

Avaaz.org – Firma la petizione online

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica di Trieste. Sono appassionato di informatica. Conosco vari linguaggi fra cui C#, vb.net, vb6, java, php, asp, ...

3 thoughts on “L’AGCOM rimanda la decisione, internet continua ad essere semi-libero, almeno per ora

  1. Non penso che l’azione Agcom sia come voi l’avete descritta, da quello che ho capito io se nel caso in un sito o blog c’é un file che viola i diritti di autore, Agcom te lo comunica e dopo 5 giorni potrebbe provvedere alla chiusura del sito. Vorrei inoltre ricordarvi che ci sono migliaia di videoteche che subiscono fortemente la pirateria e penso che sia venuto il momento di tutelati in tutti i modi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *