Chrome OS: possono i chromebook offrire una valida alternativa a Itunes?

Un pensiero viene naturale, Chrome OS potrà essere una valida alternativa ad Itunes seppure sia nella nuvola?

Itunes obbliga a scaricare i propri file musicali, occupando giga e giga di spazio, si arriva dopo un po’ ad avere più musica sull’hd rispetto a quella che possiamo inserire nel nostro player musicale.

Altro lato negativo di Itunes è l’obbligo di usare quicktime per la riproduzione, ovviamente rallentando il proprio computer.

Con i chromebook potremo ascoltare la nostra musica salvandola nella nuvola, potendoci accedere ovunque e in qualsiasi momento, avendo idealmente spazio infinito e senza la necessità di spostarla da un dispositivo ad un’altro, il software di elaborazione sarà ospitato in remoto per cui non verrà consumata memoria sul nostro computer rendendolo più veloce e reattivo.

Anche considerando i costi della connessione si ha sempre un vantaggio, considerando anche 50 € al mese per la connessione potremo ascoltare tutta la musica che vogliamo senza alcun limite, di sicuro si risparmia tempo e a lungo andare potrebbe essere realmente un’alternativa a Itunes, un’altro limite è la disponibilità della connessione, ma speriamo nel tempo questo non sia più un problema.

alessio

Sono un giovane web designer con la passione per il blogging e la tecnologia in generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *