Google Suggest, giudicato colpevole

Google suggest è risultato colpevole per aver associato ad un imprenditore di Milano la parola truffatore a fianco del proprio nome durante la ricerca.

La funzionalità di Google che suggerisce agli utenti le parole chiave in questo caso mostrava a fianco del nome dell’imprenditore la parola truffatore.

L’imprenditore di Milano ha poi fatto causa a Google ottenendo un rimborso di 2300 € per le spese legali e 1500 € per i diritti lesi.

Google infatti dopo aver ricevuto la segnalazione dall’avvocato dell’imprenditore non ha applicato i filtri richiesti.

La decisione ha inoltre respinto anche le obiezioni pratiche fornite da Mountain View che aveva precisato che “trattandosi di un software completamente automatico è evidente l’impossibilità – senza compromettere l’intero servizio – di operare un discrimine tra termini buoni e termini cattivi, non solo in considerazione del numero indeterminabile di parole con un potenziale significato negativo, ma anche e soprattutto del fatto che il medesimo termine potrebbe avere significati del tutto diversi se abbinati a parole diverse”.

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica di Trieste. Sono appassionato di informatica. Conosco vari linguaggi fra cui C#, vb.net, vb6, java, php, asp, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *