Il Wall Street Journal: «Le “app” di iPhone e Android violano la privacy»

Gli iPhone della Aplle e gli smartphone che usano il sistema operativo Android di Google “rivelano” ad altre societa’ “i dati personali” degli inconsapevoli possessori dei telefonini “violando la loro privacy”. Questo l’accusa lanciata dal Wall Street Journal dopo aver analizzato 101 tra i piu’ popolari programmi e giochi (“apps”) per iPhone e Android .

Un portavoce di Apple contattato dal quotidiano di Rupert Murdoch ha sostenuto che gli iPhon «hanno forti sistemi di protezione della privacy del cliente» ma il Wsj sostiene che queste regole possono essere aggirate.

In particolare viene citato il caso dell’applicazione «Pandora per ascoltare musica su iPhone. Quest ‘app’ «invia dati a 8 società di tracciamento» tra cui «l’user name e la password» dello stesso telefono, «i contatti», telefonici e mail; «l’età e il sesso» del cliente, la sua esatta posizione; il codice identificativo unico e il numero del telefono»

Via

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica di Trieste. Sono appassionato di informatica. Conosco vari linguaggi fra cui C#, vb.net, vb6, java, php, asp, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *