Facebook, i contatti lo tradiscono, andava a spasso quando era ai domiciliari

L’uomo in questione era agli arresti domicialiri per un reato compiuto ed era stato condannato a 2 anni e mezzo di carcere.

L’uomo ottenne però i domiciliari e non potendo uscire di casa decide quindi di dilettarsi con Facebook.

Però l’uomo non rispettava il divieto che gli impediva di parlare con i non familiati, e così una volta iscritti a Facebook, amicizia dopo amicizia riescono a risalire all’uomo in questione e a dimostrare mediante foto e messaggi sulla bacheca che l’uomo non rispettava il divieto.

E così il gip Vincenzo Brancato ha revocato gli arresti in casa ed ha ripristinato la custodia in carcere.

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica di Trieste. Sono appassionato di informatica. Conosco vari linguaggi fra cui C#, vb.net, vb6, java, php, asp, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *